Pagine

Sala conferenze - Hotel Ala d'Oro

Via Matteotti, 56 - 48022 Lugo di Romagna - (Ravenna) - Italia
Per Informazioni : 0545 22388 - claudio@aladoro.it
Iscriviti alla newsletter di Caffè Letterario sul sito http://www.aladoro.it/

sabato 23 maggio 2015

Venerdì 29 maggio - IGOR SIBALDI al Caffè Letterario di Lugo

Venerdì 29 maggio,  alle ore 21.00, nella Sala Conferenze dell’Hotel Ala d’Oro, lo scrittore e saggista milanese Igor Sibaldi presenterà al Caffè Letterario di Lugo il suo libro “Eros e Amore” edito l’anno scorso da Frassinelli.  A introdurre la serata, che si concluderà con il consueto brindisi finale offerto a tutti i presenti, sarà Giovanni Barberini.
Vi sono troppe contraddizioni – linguistiche, psicologiche, etiche – dell'idea che in Occidente si ha dell'«amore», troppi significati si accumulano e si confondono in questa parola: come se, nel corso dei secoli, una serie di paure avessero impedito di fare chiarezza, di dire la verità sulle dinamiche del sentimento che tutti hanno sperimentato. Igor Sibaldi mette in luce la più profonda di tali paure: quella dell'Eros – che un tempo era il nome di un Dio, e indicava non soltanto una inesauribile energia sensuale ma anche e soprattutto la straordinaria vastità della mente, il suo fiducioso impulso alla libertà e alla conoscenza, che da adulti siamo abituati a reprimere e a falsare. Dal timore di far agire l'amore-Eros nella nostra vita quotidiana derivano i nostri traumi più dolorosi; e la riscoperta dell'eros antico può dissolverli. A tutti è accessibile (da bambini eravamo tutti erotikói): solo, occorre una buona dose di coraggio, perché a quel Dio millenario tutta la nostra civiltà è sempre stata ed è tuttora ostile.
Igor Sibaldi è scrittore e studioso di teologia. Nel 1997, con il romanzo-saggio I Maestri invisibili, ha cominciato a narrare la sua personale esplorazione "dei miti e dei territori dell'Aldilà". Hanno fatto seguito Il frutto proibito della conoscenza, L'arca dei nuovi Maestri e Il mondo invisibile. Con il Libro delle Epoche si conclude una ideale trilogia dedicata alla conoscenza di sé e iniziata con il Libro degli Angeli e il Libro della Personalità.

La serata con FRANCESCO PECORARO

Una bellissima serata per un bellissimo libro. Francesco Pecoraro ha presentato ieri sera al Caffè Letterario di Lugo il suo ultimo romanzo "La vita in tempo di pace" edito da Ponte alle Grazie. Queste le immagini.
Echi di Robert Musil, George Orwell e Italo Svevo si rincorrono nel nuovo romanzo di Francesco Pecoraro. Poderoso, esagerato di pagine, riflessioni, emozioni. Un romanzo corrotto e corrosivo, travolgente e travolto da folate di bellezza e di disprezzo cui aderire senza condizioni. È il manifesto aggiornato del decadentismo europeo nell'era intermedia della degradazione. E l'esegesi degli ultimi sessant'anni di storia italiana: "La vita in tempo di pace". (Michele Lauro - Panorama)




martedì 19 maggio 2015

Venerdì 22 maggio - FRANCESCO PECORARO al Caffè Letterario di Lugo

Venerdì 22 maggio,  alle ore 21.00, nella Sala Conferenze dell’Hotel Ala d’Oro, la narrativa sarà ancora protagonista al Caffè Letterario di Lugo con lo scrittore romano Francesco Pecoraro e il suo romanzo “La vita in tempo di pace”  (entrato nella cinquina finalista all’ultimo Premio  Strega) edito da Ponte alle Grazie. A introdurre la serata, che si concluderà con il consueto brindisi finale offerto a tutti i presenti, sarà la curatrice di Caffè Letterario Patrizia Randi. 
L'ingegner Ivo Brandani è sempre vissuto in tempo di pace. Quando il libro comincia, il 29 maggio 2015, Ivo ha sessantanove anni, è disilluso, arrabbiato, morbosamente attaccato alla vita. Lavora per conto di una multinazionale a un progetto segreto e sconcertante, la ricostruzione in materiali sintetici della barriera corallina del Mar Rosso: quella vera sta morendo per l'inquinamento atmosferico. Nel limbo sognante di un viaggio di ritorno dall'Egitto, si ricompongono a ritroso le varie fasi della sua esistenza di piccolo borghese: la decadenza profonda degli anni Duemila, i soprusi e le ipocrisie di un Paese travolto dal servilismo e dalla burocrazia, il sogno illusorio di un luogo incontaminato e incorruttibile, l'Egeo. E poi, ancora indietro nel tempo, le lotte studentesche degli anni Sessanta, la scoperta dell'amore e del sesso, fino ad arrivare al mondo barbarico del dopoguerra, in cui Brandani ha vissuto gli incubi e le sfide della prima infanzia. Chirurgico e torrenziale, divagante e avvincente, "La vita in tempo di pace" racconta, dal punto di vista di un antieroe lucidissimo, la storia del nostro Paese e le contraddizioni della nostra borghesia: le debolezze, le aspirazioni, gli slanci e le sporcizie, quel che ci illudevamo di essere e quel che alla fine, nostro malgrado, siamo diventati.
Francesco Pecoraro è nato a Roma nel 1947.  Architetto e urbanista impiegato presso il Comune di Roma, con collaborazioni alle principali riviste del settore, a 62 anni pubblica la raccolta di racconti Dove credi di andare (Milano, Mondadori, 2007), che si aggiudica il Premio Napoli. Un anno dopo pubblica Questa e altre preistorie (Firenze, Le lettere, 2008).  Con La vita in tempo di pace si aggiudica il Premio Viareggio ed entra nella cinquina finalista del Premio Strega 2014.

La serata con MARCELLO SAVINI

Ecco le immagini della serata di ieri  lunedì  18 maggio dove Marcello Savini ha presentato il suo ultimo romanzo “Olga”, edito pochi giorni fa da Pequod.






lunedì 18 maggio 2015

Il calendario (aggiornato) della Primavera 2015

Anche il calendario degli incontri primaverili che chiuderà l’undicesima stagione del Caffè Letterario di Lugo sarà nutritissimo con ben 18 appuntamenti in programma che si snoderanno a partire dal 1 aprile con lo scrittore lughese Gian Ruggero Manzoni per concludersi il 22 giugno con la conferenza dedicata a William Shakespeare di Martin Dodman.

Mercoledì 1 aprile, ore 21.00
Hotel Ala d’Oro
GIAN RUGGERO MANZONI
“Acufeni”
(Rimini, Guaraldi, 2014)
Introducono Davide Brullo (Editor Guaraldi)
e Marco Sangiorgi
Sarà presente l’autore

Un racconto biblico. Di amore e sangue. Di morti e risorti. In una Romagna opalescente e dannata, si svolge la storia di Francesco Costa, parabola dolorosa di un uomo gravato dalla sindrome di Ménière. Sente una vertigine di fischi alle orecchie. Vive isolato, in contatto con la sofferenza degli uomini.



Venerdì 10 aprile,  ore 21.00
Salone Estense della Rocca di Lugo
PIERLUIGI PANZA
“L’inventore della dimenticanza”
(Milano, Bompiani, 2014)
Introduce Daniele Serafini
Sarà presente l’autore

Nella Germania del Seicento Adam Brux è un medico affermato che insegue un sogno: inventare una tecnica di memoria che spinga all'estremo le potenzialità della mente umana. Studiando le opere di Giordano Bruno e i testi alchemici, la soluzione sembra a portata di mano, ma presto Adam si rende conto che la memoria non è priva di rischi: conservare tutti i ricordi, non dimenticare più nulla di quanto ci accade è una condanna troppo pesante da sopportare.



RINVIATO a LUNEDI' 8 GIUGNO
Lunedì 13 aprile,  ore 21.00
Hotel Ala d'Oro
GIUSEPPE ANTONELLI
“Comunque anche Leopardi diceva le parolacce”
(Milano, Mondadori, 2014)
Introduce Licia Corbolante
Sarà presente l’autore

Il congiuntivo è morto, il punto e virgola è morto e anche l'italiano - vorrebbero farci credere - non si sente tanto bene. Continuano a ripeterci che la nostra lingua si sta corrompendo, contaminata dall'inglese e minacciata da Internet e dai messaggini. Ma siamo sicuri che le cose stiano davvero così?



Sabato 18 aprile ore 20,30
Ristorante Hotel Ala d’Oro
Serata Conviviale
Letture al buio
“Cinema, Cinema, Cinema…”
€. 20,00 per persona, bevande incluse
E’ necessaria la prenotazione

Si gioca con il Cinema con le “Letture al buio”; divertenti occasioni conviviali in cui i partecipanti saranno invitati a leggere, in coppia con un lettore sorteggiato fra i presenti, un brano tratto dalla sceneggiatura di un film più o meno famoso. Il gioco starà nel capire di quale film si tratti e nel rivedere poi il brano originale sul grande schermo della sala. I premi saranno ovviamente libri.



Mercoledì 22 aprile,  ore 21.00
Hotel Ala d’Oro
LAURA PARIANI
“Questo viaggio chiamavamo amore”
(Torino, Einaudi, 2015)
Introduce Marco Sangiorgi
Sarà presente l’autrice

È il 1907 quando Dino Campana fugge da Marradi alla volta di Montevideo e poi dell'Argentina. Dato che di quel viaggio non esistono fonti certe, Laura Pariani ipotizza un percorso che dalle rive del Paraná lo porta ai bordelli di Rosario fino ai cantieri ferroviari di Bahia Bianca. Per il ventenne Dino il vagabondaggio attraverso il Sudamerica a piedi o su mezzi di fortuna - sarà un'occasione per conoscersi e sentire "con delizia l'uomo nuovo nascere".



Venerdì 24 aprile,  ore 21.00
Hotel Ala d’Oro
ARRIGO SACCHI
GUIDO CONTI
“Calcio totale”
La mia vita raccontata a Guido Conti
(Milano, Mondadori, 2015)
Saranno presenti gli autori

Arrigo Sacchi , uno degli allenatori più amati della storia del nostro calcio, racconta la sua storia, gli aneddoti, i retroscena, i ricordi più intimi e veri di uno che non ha mai giocato ad alti livelli ma che dalla panchina, ha cambiato la storia del calcio mondiale.



Lunedì 4 maggio, ore 21.00
Hotel Ala d’Oro
CLAUDIO SPADONI
presenta la mostra allestita al MAR di Ravenna
“Il Bel Paese”
L’Italia dal Risorgimento alla Grande Guerra, dai Macchiaioli ai Futuristi
Introduce Laura Medici

Come recita il titolo, la mostra intende restituire attraverso diverse sezioni tematiche, la rappresentazione del 'paesaggio' italiano inteso in tutti i suoi aspetti,  offrendo anche  un palinsesto della società e della cultura dalle premesse dell'Unità alla partecipazione al primo conflitto mondiale, di cui cade il centenario proprio nel 2015.


ANNULLATO
Mercoledì 6 maggio, ore 21.00
Hotel Ala d’Oro
MAURIZIO DE GIOVANNI
“Il resto della settimana”
(Milano, Rizzoli , 2015)
Introduce Marco Sangiorgi
Sarà presente l’autore

Il bar Novecento, di fronte allo stadio San Paolo, è un’istituzione, un punto di riferimento dove passare intere giornate. Non solo per commentare le partite, né per il caffè di Mario, né per la bellezza di Paola, la cassiera che fa girare la testa a chiunque. Al bar Novecento si va soprattutto per parlare con O’ Professore, l’uomo che da trent’anni siede allo stesso tavolino sul fondo della sala, e giorno dopo giorno raccoglie palpitanti racconti di epiche sfide, confessioni di figli tornati in città per esaudire l’ultimo desiderio del padre morente, richieste di consigli su amori infelici


ANNULLATO 
Venerdì 8 maggio, ore 21.00
Salone Estense
UMBERTO CURI
“Endiadi”
(Milano, Raffaello Cortina Editore , 2015)
Introduce Giovanni Barberini
Sarà presente l’autore

È proprio vero che - come afferma il protagonista dell'Edipo re - "mai uno potrà essere equivalente a molti"? O non è invece vero il contrario, cioè che per tutti, non solo per il figlio di Laio, è impossibile essere soltanto uno? Non è questa la sorte che accomuna, per esempio, alcuni personaggi emblematici, le cui vicende sono al centro della tragedia classica e di numerose storie attinte dal patrimonio mitologico greco-latino?



Sabato 16 maggio, ore 18.00
Sala del Carmine
RUDI CAPRA
“Memorie d’Ombra”
(Brescia, Cavinato Editore, 2015)
Introduce Giovanni Barberini
Sarà presente l’autore

“Memorie d’Ombra” è un romanzo di formazione atipico, in cui la narrazione vivace si alterna alla digressione colta, mentre passato, presente e futuro si intrecciano caoticamente. Ma è anche una lucida riflessione sulla condizione umana e sul Grande Tabù della nostra epoca, la morte.


Lunedì 18 maggio, ore 21.00
Hotel Ala d’Oro
MARCELLO SAVINI
“Olga”
(Ancona, Pequod, 2015)
Introduce Silvia Golfera
Sarà presente l’autore

Olga, cresciuta in una famiglia di poveri emigranti italiani in Alta Savoia, è una ragazza curiosa e inquieta  che aspira ad emanciparsi dalla sua condizione. L’occasione le viene offerta dalla guerra, quando il suo datore di lavoro, il fiorista Barsacq, la coinvolge nella Resistenza e nel salvataggio di un ragazzo ebreo.



Venerdì 22 maggio, ore 21.00
Hotel Ala d’Oro
FRANCESCO PECORARO
“La vita in tempo di pace”
(Milano, Ponte alle Grazie, 2013)
Introduce Patrizia Randi
Sarà presente l’autore

"La vita in tempo di pace" racconta, dal punto di vista di un antieroe lucidissimo, la storia del nostro Paese e le contraddizioni della nostra borghesia: le debolezze, le aspirazioni, gli slanci e le sporcizie, quel che ci illudevamo di essere e quel che alla fine, nostro malgrado, siamo diventati.



Sabato 23 maggio, ore 18.00
RINVIATO a
VENERDI' 19 GIUGNO, ORE 21.00
Hotel Ala d’Oro
In collaborazione con il
“Museo Francesco Baracca”
 DAVIDE RONDONI
“E se brucia anche il cielo
Romanzo di Francesco Baracca.
Uomo e aviatore”
(Milano, Frassinelli, 2015)
Introduce Daniele Serafini
Sarà presente l’autore

Che cos’è un eroe? E’ questo lo spunto apparentemente banale dell’ultima pubblicazione di Maurizio Colombi, ricercatore all’Università, con l’ansia di scrivere qualcosa di nuovo. Una domanda che lo porta ad avvicinare un’epoca che sembra vicina, ma che in realtà è lontanissima; perché in cent’anni il mondo e l’Italia si sono trasformati.



Venerdì 29 maggio, ore 21.00
Hotel Ala d'Oro
IGOR SIBALDI
“Eros e Amore”
(Treviso, Frassinelli, 2014)
Introduce Giovanni Barberini
Sarà presente l’autore

Questo libro è un viaggio nelle implicazioni più segrete del nostro desiderio di piacere. Vi sono troppe contraddizioni - linguistiche, psicologiche, etiche - dell'idea che in Occidente si ha dell'"amore", troppi significati si accumulano e si confondono in questa parola: come se, nel corso dei secoli, una serie di paure avessero impedito di fare chiarezza, di dire la verità sulle dinamiche del sentimento che tutti hanno sperimentato. 


Mercoledì 3 giugno, ore 21.00
Hotel Ala d'Oro
EMILIO GENTILE
“In Italia ai tempi di Mussolini”
(Milano, Mondadori, 2014)
Introduce Paolo Cavassini
Sarà presente l’autore

Un viaggio nell'Italia di Mussolini, ripercorso, nelle sue tappe cruciali, a partire dalle pagine che giornalisti, studiosi, viaggiatori e scrittori stranieri dedicarono alle vicende del nostro paese negli anni più tragici del Novecento. Un viaggio durato oltre un ventennio, dalla Grande guerra alle lotte operaie e contadine del "biennio rosso", dalle violenze squadriste ai fasti dell'Italia imperiale sino ai giorni bui della seconda guerra mondiale, quando l'Italia finì "sotto le ruote della storia".



Lunedì 8 giugno,  ore 21.00
Hotel Ala d'Oro
GIUSEPPE ANTONELLI
“Comunque anche Leopardi diceva le parolacce”
(Milano, Mondadori, 2014)
Introduce Licia Corbolante
Sarà presente l’autore

Il congiuntivo è morto, il punto e virgola è morto e anche l'italiano - vorrebbero farci credere - non si sente tanto bene. Continuano a ripeterci che la nostra lingua si sta corrompendo, contaminata dall'inglese e minacciata da Internet e dai messaggini. Ma siamo sicuri che le cose stiano davvero così?



Mercoledì 10 giugno, ore 21.00
Hotel Ala d'Oro
VITTORIO EMILIANI
“Romagnoli e Romagnolacci”
(Argelato, Minerva Edizioni, 2014)
Introduce Paolo Galletti
Sarà presente l’autore

Più di cento ritratti di quei romagnoli che l’autore ha conosciuto o soltanto incrociato sul suo cammino, come Sergio Zavoli, Tonino Guerra, Marco Pantani, Arrigo Sacchi, Serafino Ferruzzi, Raul Gardini, i tanti Mussolini. Tanti pezzi di storia e di microstoria romagnola che compongono un mosaico vivacissimo, a volte drammatico, di vite vissute fra Ottocento e Novecento, fino ai giorni nostri, fra l’Appennino e il mare Adriatico, lungo la Via Emilia e le altre strade romane di quella che fu la Romània o la Romandìola.



Venerdì 19 giugno, ore 21.00
Hotel Ala d’Oro
In collaborazione con il
“Museo Francesco Baracca”
 DAVIDE RONDONI
“E se brucia anche il cielo
Romanzo di Francesco Baracca.
Uomo e aviatore”
(Milano, Frassinelli, 2015)
Introduce Daniele Serafini
Sarà presente l’autore



Che cos’è un eroe? E’ questo lo spunto apparentemente banale dell’ultima pubblicazione di Maurizio Colombi, ricercatore all’Università, con l’ansia di scrivere qualcosa di nuovo. Una domanda che lo porta ad avvicinare un’epoca che sembra vicina, ma che in realtà è lontanissima; perché in cent’anni il mondo e l’Italia si sono trasformati.

Sabato 20 giugno, ore 20.30
Serata Conviviale
In collaborazione con “Ass.Culturale Entelechia”
e “Museo Francesco Baracca”
Ristorante Ala d’Oro
Maratona letteraria
“IL BUON SOLDATO SC’VÈIK”
di  Jaroslav Hašek
€. 25,00 per persona, bevande incluse
E’ necessaria la prenotazione

Proseguono a Caffè Letterario le letture collettive dei grandi classici con “Il buon soldato Švejk” di  Jaroslav Hašek, capolavoro comico-satirico della letteratura antimilitarista europea.  La lettura si svolgerà all’aperto nel cortile interno del Ristorante dell’Hotel Ala d’Oro e sarà accompagnata da una ottima Paella alla Valenciana cucinata direttamente sul posto…


Lunedì 22 giugno, ore 21.00
Ass.Cult.Entelechia
Conferenza di
MARTIN DODMAN
“Il lunatico, l’amante e il poeta.
Un solstizio d’estate con Shakespeare”


In occasione del solstizio di estate, si propongono delle riflessioni su vari esempi del lunatico, dell’amante e del poeta come temi ricorrenti nel mondo e nell’arte del grande poeta e drammaturgo inglese, accompagnate da letture in italiano e in inglese di alcuni suoi brani.

sabato 16 maggio 2015

Lunedì 18 maggio - MARCELLO SAVINI al Caffè Letterario di Lugo

Lunedì 18 maggio,  alle ore 21.00, nella Sala Conferenze dell’Hotel Ala d’Oro, il Prof. Marcello Savini  presenta al Caffè Letterario di Lugo il suo ultimo romanzo “Olga” edito da Pequod da pochi giorni. A introdurre la serata, che si concluderà con il consueto brindisi finale offerto a tutti i presenti, sarà l’Assessore alla Scuola del Comune di Lugo Silvia Golfera. 

Olga, cresciuta in una famiglia di poveri emigranti italiani in Alta Savoia, è una ragazza curiosa e inquieta che aspira ad emanciparsi dalla sua condizione. L’occasione le viene offerta dalla guerra, quando il suo datore di lavoro, il fi orista Barsacq, la coinvolge nella Resistenza e nel salvataggio di un ragazzo ebreo. Nonostante ciò, la tenue amicizia con un uffi ciale tedesco le attira sospetti e maldicenze, che la costringono ad allontanarsi dal paese. Ma sarà il matrimonio con un giovane in promettente carriera a consentirle di trasferirsi a Parigi e di chiudere col passato. La coppia vive un apparente tranquillo ménage da cui trapela a tratti l’insoddisfazione di lei, esuberante e irrequieta, alla ricerca di nuove, coinvolgenti emozioni e l’inadeguatezza di lui, uomo schivo e dedito al lavoro. Rimasta vedova, un incontro fortuito proprio con l’ex uffi ciale tedesco che era stato involontaria causa delle sue disgrazie, le regalerà un’ultima potente avventura attraverso l’Iran alle soglie della rivoluzione khomeinista. 
Marcello Savini (Bagnacavallo, Ravenna, 1935), è stato docente di Italiano e Latino nei licei classici. Ha pubblicato l’antologia “Tacito storico politico” (Sansoni, 1971) e, con Giuseppe Bellosi, “L’altra lingua. Letteratura dialettale e folklore orale in Italia” (Longo, 1980) e “Verificato per censura. Lettere e cartoline di soldati sonnambuli nella prima guerra mondiale” (Il Ponte Vecchio, 2002). Ha curato, per l’editore Longo, “Cinquantotto lettere e una supplica e Lettere varie (1776-1832) di Giuseppe Compagnoni” (1996 e 2001). Ha tradotto in dialetto romagnolo la Mostellaria di Plauto (Edizioni del Bradipo, 2007). Nel 2010 ha pubblicato, presso Mobydick, il breve romanzo “Iter mortis”.



martedì 12 maggio 2015

Sabato 16 maggio - RUDI CAPRA al Caffè Letterario di Lugo

Sabato 16 maggio, alle ore 18.00, nella Sala del Carmine (ex aula magna del Liceo Classico di Lugo) il giovane scrittore lughese Rudi Capra presenta il suo romanzo d’esordio “Memorie d’ombra” edito da Cavinato. A introdurre l’incontro sarà Giovanni Barberini.
Un giovane scrittore logorroico appassionato di mitologia e ossessionato dalla morte torna al suo paese natale. In piena crisi creativa fa una gita al cimitero, si innamora di una defunta, poi di una donna viva, che lascia per la defunta. Fra ricordi, leggende e allucinazioni compie un percorso tortuoso che lo conduce a un’insperata illuminazione, il cui risultato è proprio questo libro. “Memorie d’Ombra” è un romanzo di formazione atipico, in cui la narrazione vivace si alterna alla digressione colta mentre passato, presente e futuro si intrecciano caoticamente. Ma è anche una lucida riflessione sulla condizione umana e sul Grande Tabù della nostra epoca, la morte.
Rudi Capra è nato nel 1989 a Lugo. Scrive per il sito di cinema e cultura “La MalaParte”. Laureatosi in filosofia alla Sorbona, al momento svolge un dottorato di ricerca in Filosofia Zen ed Estetica Comparata allo UCC.